Supsi presente a Swiss Virtual Expo

Supsi presente a Swiss Virtual Expo

SUPSI SWISS VIRTUAL EXPO –  A partire da Settembre 2021 sarà possibile partecipare al più grande expo Svizzero ibrido. Tutti coloro con interessi nella tecnologia digitale potranno prendere parte ad un evento pieno di sorprese ed opportunità da non perdere. Tra coloro che hanno già deciso di non mancare a Swiss Virtual Expo c’è Supsi, la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

Swiss Virtual Expo, l’evento mai visto in realtà virtuale 3D

Swiss Virtual Expo, il più grande expo ibrido mai visto in Svizzera aprirà i propri battenti a Settembre. Padiglioni, stand, eventi, congressi, tavole rotonde prenderanno vita sia su una piattaforma virtuale 3D che in alcuni casi in presenza. A tutti viene data l’opportunità di partecipare per sperimentare e condividere le impressioni su quello che sarà il futuro della tecnologia. Swiss Virtual Expo è l’occasione giusta per farsi notare nel mercato nazionale e internazionale. Sarà possibile assistere sia ad eventi in presenza che camminare tra i padiglioni realizzati grazie alla tecnologia virtuale 3D. Sarà possibile vedere eventi, networking, zone espositive, games, showroom, sale convegni, stand e molto altro.

Ci sarà spazio sia per esperienze B2B che B2C. Tra le realtà che hanno già deciso di aderire e vi stanno portando avanti un progetto molto interessante c’è SUPSI.

SUPSI e il progetto portato avanti grazie a Swiss Virtual Expo

 

Il modo più classico con cui inizia la frode è un messaggio che recita: “Ciao, ti ho inviato un codice per sbaglio, potresti rimandarmelo?”. Il metodo è molto arguto, poiché l’utilizzo di codici per ripristinare o dare inizio all’utilizzo di applicazioni è usuale nel mondo digitale. Ma l’operatore autorizzato e proprietario dell’applicazione non utilizza questi metodi di richiesta. Infatti, per quanto riguarda whatsapp ad esempio, ci invierà un sms con il codice da fornire e saremo direttamente noi a riportare nell’apposito campo. Nessuna terza parte lo deve fare al posto nostro. La cosa giusta da fare quindi nel caso ci arrivi un messaggio del gnere è non rispondere. Cristina Giotto, Direttore di ated-ICT Ticino e vice Presidente di Clusis, va ancora più in dettaglio nel meccanismo della frode.

Tra le molte realtà che già hanno deciso di prendere parte a Swiss Virtual Expo troviamo Supsi. Infatti la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana, porterà il suo forum di Project Management sulla piattaforma ibrida. Tra il 30 settembre e il 1 ottobre 2021, APM Ticino (www.apm-ticino.ch), organizzerà grazie alla il PM Forum 2021 dal titolo: “La cultura e le best practices della collaborazione a distanza”.

In un’intervista a Ticinonline in cui spiega più dettagliatamente lo svolgimento del Forum, Antonio Bassi, Responsabile Formazione continua Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI, spiega i vantaggi che la sua scuola ha tratto dalla digitalizzazione.

“Come associazione abbiamo anche noi potuto beneficiare dei vantaggi della digitalizzazione in diversi ambiti; primo tra tutti la gestione delle riunioni di comitato che ha permesso a persone distanti tra loro di presenziare maggiormente agli appuntamenti e di collaborare tra di loro nonostante i propri impegni che non avrebbero permesso di incontrarsi tutti assieme in maniera fisica. Ulteriore prova dell’importanza è data dal successo dei webinar tenuti già da prima del lockdown dall’associazione e dalla presenza all’assemblea associativa di soci provenienti da luoghi distanti dalla nostra sede.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-size: initial;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}